Vai direttamente ai contenuti

Home > Reiscrizione al PRA di veicoli storici

Reiscrizione al PRA di veicoli storici

L’art.18 della Legge 289/2002 (Legge Finanziaria 2003) prevede la possibilitÓ di reiscrivere al Pubblico Registro Automobilistico i veicoli radiati d’ufficio d’interesse storico e collezionistico, conservando targhe e documenti originari.
Sono considerati veicoli d’interesse storico e collezionistico, in base all’art.60 del Codice della Strada, i veicoli iscritti nei registri ASI (Auto-Moto Club Storico Italiano), Storico Lancia, Italiano Fiat, Italiano Alfa Romeo, Storico FMI (Federazione Motociclistica Italiana).
Nel caso in cui l’interessato disponga delle targhe originali e della carta di circolazione originale, deve effettuare prima la reiscrizione al PRA e poi l’annotazione della carta di circolazione al Dipartimento Trasporti Terrestri.
Nel caso in cui l’interessato disponga delle targhe originali, ma non della carta di circolazione, deve effettuare prima l’annotazione al Dipartimento Trasporti Terrestri, con il rilascio di una nuova carta di circolazione, e successivamente la reiscrizione al PRA.
 
I documenti necessari per svolgere la pratica dei reiscrizione al PRA di veicoli storici in entrambi i casi sono: 
- Documento d’identitÓ valido e Codice Fiscale
- Carta di circolazione originale o denuncia di smarrimento 
- Foglio complementare o certificato di proprietÓ in originale o denuncia di smarrimento
- Estratto cronologico
- Ricevute di pagamento delle tasse automobilistiche arretrate, per il triennio precedente a quello nel corso del quale si richiede l’iscrizione, con una maggiorazione del 50%.
- Iscrizione ai registri ASI
Nel caso in cui l’interessato non disponga delle targhe originali, deve effettuare prima la reimmatricolazione al Dipartimento Trasporti Terrestri, con il rilascio di nuove targhe e di una nuova carta di circolazione, poi l’iscrizione al PRA
Nel caso in cui non si disponga delle targhe originali, i documenti necessari per svolgere la pratica dei reiscrizione al PRA di veicoli storici in entrambi i casi sono: 
- Documento d’identitÓ valido e Codice Fiscale
- Carta di circolazione originale o denuncia di smarrimento (escluso il caso in cui sia stata consegnata per radiazione volontaria) 
- Estratto cronologico
- Foglio complementare o certificato di proprietÓ in originale o denuncia di smarrimento (escluso il caso in cui sia stata consegnata per radiazione volontaria) 
- Ricevute di pagamento delle tasse automobilistiche arretrate, per il triennio precedente a quello nel corso del quale si richiede l’iscrizione, con una maggiorazione del 50% (escluso il caso in cui sia stata consegnata per radiazione volontaria) 
- Iscrizione ai registri ASI