Vai direttamente ai contenuti

Home > Notizie per i soci > Incontro del Club Alta FedeltÓ Associativa di giovedý 10 febbraio 2011: 125 (...)

Incontro del Club Alta FedeltÓ Associativa di giovedý 10 febbraio 2011: 125 anni di auto

21.02.2011

A 125 anni dalla nascita dell’automobile, giovedì 10 febbraio 2011, gli iscritti al Club Alta Fedeltà Associativa si sono riuniti per scoprire i segreti della storia di questo rivoluzionario veicolo.

La data ufficiale di nascita dell’automobile è stata fissata al 29 gennaio 1886, ossia in corrispondenza del giorno nel quale il signor Karl Benz presentò la domanda di brevetto, presso l'ufficio brevetti di Berlino, per la sua Motorwagen.
La prima vettura a motore era rappresentata da un veicolo di dimensioni gigantesche, che sembrava un incrocio tra un triciclo e una carrozza, spinto da un motore a scoppio a benzina, monocilindrico, la cui velocità massima si aggirava intorno ai 16 Km/h.
Gli storici affermano che, probabilmente, si deve proprio a Benz l'invenzione del nome benzina, attribuito al carburante utilizzato per le auto
L’invenzione di Benz ebbe, poi, uno sviluppo, negli stessi anni, per effetto dell’'intuizione di un altro ingegnere tedesco, Gottlieb Daimler, che creò una delle prime carrozze motorizzate su quattro ruote e, con l'aiuto del tecnico Wilhelm Maybach, adotto un motore a 4 cilindri.
L'unione dei due progetti determinò la nascita del marchio Mercedes–Benz (Mercedes era il nome della figlia dell'imprenditore Daimler).
L'automobile non registrò un immediato successo, poiché le persone comuni consideravano questo veicolo molto pericoloso, a causa della velocità che riusciva a raggiungere.
La vera svolta, in termini di vendite, si registrò a seguito di una recensione fatta da Bertha Ringer, moglie di Karl Benz, che si era recata l'automobile a trovare i suoi genitori, effettuando numerose soste dai droghieri durante il tragitto, per rifornirsi di benzina. Da allora, la gente iniziò a fidarsi.

Il primo esempio di veicolo, che rappresentava un’alternativa alla trazione animale, era stato il carro a vapore, costruito dall'inventore francese N. J. Cugnot, con il meccanico M. de Brézin, nel 1769. Il carro a vapore veniva chiamato macchina a fuoco, poiché era stato realizzato allo scopo di trainare l'artiglieria. Era dotato di tre ruote ed era costituito da un semplice telaio in legno sul quale era montato, anteriormente un motore a vapore. Richiedeva frequenti arresti per ripristinare la pressione del vapore, ma il problema principale constava nella lentezza della sterzata e nel farlo fermare, infatti il primo prototipo si distrusse contro un muro durante un esperimento.
Nel luglio del 1771 venne costruito un secondo prototipo, attualmente conservato al Conservatoire National des Arts et Métiers di Parigi.

Roger Bacon, noto con l'appellativo di Doctor Mirabilis, fu il primo ad affermare “Un giorno si sarà in grado di costruire carri in grado di muoversi e di conservare il loro movimento senza essere spinti o tirati da alcun animale”. Roger Bacon, filosofo, scienziato, teologo ed alchimista inglese del XIII secolo, nonché frate francescano, fu uno dei maggiori pensatori del suo tempo, diede enorme importanza alle osservazioni dei fatti e va considerato come uno dei padri dell'empirismo.

Una curiosità: il termine automobile era usato al maschile, da cui il plurale “gli automobili”. In seguito, la parola automobile, divenne sinonimo popolare del termine macchina, determinando nel linguaggio comune l’uso della nome automobile al femminile.